PERIS

L’ILLUSTRATRICE TURCHINA.

“L’importante è esprimere tutto ciò che ti passa per la mente.”

“C’era una volta, ed era proprio una bella volta, una ragazza con i capelli azzurri a cui piacevano gli anagrammi, i tatuaggi, il suo cane Mino, scrivere canzoni e disegnare i cieli.
A volte dipingeva una matassa di nuvole appoggiata su un fondo turchino, certi giorni l’immaginazione si spingeva più in là, fino a scorgere occhi socchiusi e ciglia languide nelle linee sottili delle rondini.”

Peris
Peris
Peris
Peris
Peris

Quello che le piaceva di più era trovare le sagome delle adorabili orecchie di Mino tra i tetti appuntiti o in mezzo alle cime degli alberi.

Inutile dire quanto adorasse viaggiare, soprattutto da sola, con lo zaino e il suo cane. Ancora meglio se a casaccio e senza una meta precisa!
Da piccola sognava di vivere al mare, per vedere scomparire il sole nell’acqua ogni sera al tramonto.
Finché un bel giorno si è trovata a pensare quanto fosse bello poter vivere ovunque.
Piccoli borghi sconosciuti, città d’arte e grandi metropoli. Montagne, colline, fiumi e laghi, lunghe spiagge desolate e fattorie di campagna.

Peris
Peris
Peris

Ma soprattutto nel suo studio, con quel disordine così familiare, tra tele e pennelli sporchi di colori, la sottile scia fumosa dell’incenso, tanta bella musica in sottofondo.

Una doccia calda mentre Mino si stiracchia sul divano, in attesa di strofinare il nasone umido sul braccio della padrona profumata di bagnoschiuma.
Perché i viaggi più belli sono quelli che si fanno inseguendo ovunque i pensieri.
L’importante è poter esprimere tutto ciò che passa per la mente, che sia un racconto, una frase, un sogno, un disegno.

Peris
Peris
Peris
Peris

#STORIESOTTOLADOCCIA

Inizia a scrivere e premi Invio per cercare